La Riconciliazione è veramente un’esperienza fortissima ed anche i risultati sono straordinari: è come vivere uno tsunami di emozioni, che poi termina in una grande pace interiore dentro di noi e nei confronti del genitore con il quale ci siamo riconciliati.
Io ho notato risultati immediati: già dalla settimana successiva in cui sono andata a trovare mio padre l’ho trovato assai conciliante, meno “spigoloso”. E la cosa sicuramente più importante è che ora non ho più alcun sentimento di rabbia nei suoi confronti, ma so che mi ha dato tutto quello che era nelle sue possibilità e gliene sono grata.
Consiglio la riconciliazione come una tappa essenziale della propria vita, un fondamento irrinunciabile, tant’è vero che poche settimane fa ho deciso di vivere la stessa esperienza anche per riconciliarmi con mia madre, pur avendo con lei già un bellissimo rapporto senza ombre.
Lucia


Ho fatto la riconcilianzione con mia madre e poi quella con mio padre ad esattamente un anno di distanza uno dall’ altra.
La rinconciliazione e’ uno strumento potentissimo che mi ha permesso di raggiungere una serenita’ interiore mai provata prima e sentirmi
veramente in pace con me stessa e con i miei genitori.
Ho sempre saputo che i miei genitori mi volevano molto bene, ma dentro di me c’era sempre un risentimento verso di loro che non mi dava pace. Ho passato tutta la vita a lottare ed essere arrabbiata con i miei genitori perche’ non mi avevano amata come io avrei voluta e mi sono trovata a capire durante la rinconciliazione che mi hanno veramente amato con tutto quello che era in loro potere e capacita’. E questa nuova consapevolezza mi ha permesso di liberare tutta quella energia che fino a quel momento sprecavo nell’ essere arrabbiata con loro, e incanalarla nella realizzazaione dei miei sogni.
La rinconciliazione mi ha permesso di capire nel profondo del mio cuore, il punto di vista dei miei genitori e quindi di perdonare, accettare e comprendere qualunque loro atteggiamento che fino a poco prima mi faceva soffrire, arrabbiare o mal reagire e di avere una
relazione piu’ armoniosa con loro. Sono immensamente grata a Daniela e alle coincidenze della vita che mi hanno portato da lei e permesso di fare questo lavoro perche’ mi ha reso una persona molto piu’ serena.
Marta


Carissima Daniela,

GRAZIE per avermi dato l’opportunità di cambiare rotta. Questo workshop (ricongiungimento con la madre) dopo la costellazione (individuale) avvenuta tre settimane prima, mi ha RASSERENATA e resa ancor più CONSAPEVOLE della mia vita, affinché possa raggiungere la serenità.

Poter scegliere di essere felici, si può…anzi…si deve.

Paola


Ho iniziato con la riconciliazione con la madre. Non sapevo cosa fosse ma la fiducia verso Daniela mi ha spinto a provare.
Non ho mai avuto un buon rapporto con mia madre. Mi son sempre sentita non vista e non amata abbastanza, quasi un peso e mai importante quanto il suo lavoro. Con lo strumento della riconciliazione ho visto e capito i motivi dei suoi comportamenti e mi sono resa conto che ciò che mi ha dato è stato il meglio che poteva fare. Il giudizio verso di lei è sparito ed ha lasciato il posto al senso di gratitudine. Il nostro rapporto è notevolmente migliorato ed ogni suo gesto è da me apprezzato. Non importa se piccolo o grande, è sempre un gesto d’amore.
Dopo questa esperienza volevo ripetere la riconciliazione ma con il padre.
Il modo di viverlo è stato molto diverso. La consapevolezza della forza di questo strumento era maggiore, pur sapendo quando doloroso e difficile sia questo momento.
Mio padre ha sempre messo il suo lavoro al primo posto e noi figli eravamo l’ultimo dei suoi pensieri. Non mi ha mia fatto mancare nulla se non la sua presenza ed io ero molto arrabbiata con lui. Mai in 43 anni una vacanza insieme, una cena al ristorante o una pizza, un gelato o un film al cinema.
Il nostro rapporto di basava sulla rabbia e sul rispetto del suo ruolo.
Con la riconciliazione ho visto quanto è grande il suo amore per noi e come il suo attaccamento al lavoro era proporzionale all’affetto per la sua famiglia.
A lui era stato insegnato che più lavorava, più amava la sua famiglia e lui ha replicato questo schema sulla famiglia che aveva creato. ha sacrificato i suoi anni in questo modo, non si è mai preso uno spazio o un momento per fermarsi.
E’ come se lo guardassi con degli occhiali diversi, mi sono resa conto di quanto ha sofferto e, anzichè provare rabbia e risentimento, ora provo riconoscenza e stima. Non potevo avere padre migliore.
Daniela mi ha permesso di guardare i miei genitori con gli occhi dell’amore, imparando a stare al mio posto e abbandonando il giudizio e sostituendolo con la riconoscenza.
Io lavoro nell’azienda di famiglia, una occupazione che mi sta stretta e mi costa tanto in termini di sacrificio verso i miei figli e mio marito.
Lo strumento della riconciliazione mi ha dato la forza per portare avanti la mia scelta di abbandonare il lavoro attuale, e mio padre anzichè contrastare la mia decisione mi ha dato la sua benedizione.
Non avevo nemmeno un buon rapporto con mio marito, siamo arrivati molto vicini al punto di rottura ma la presenza di tre figli piccoli mi aveva fermato.
Questa primavera arriva una mail di Daniela sul confronto emozionale ed incuriosita da questo strumento decido di partecipare.
Durante il tragitto in treno penso a chi rivolgermi durante il confronto ma zero idee.
Quando iniziamo a lavorare arriva l’intuizione di rivolgermi a mio marito.
Ho sempre visto mio marito come un marito poco presente e come un padre sempre assente. Non ha mai preso una posizione o una decisione per i ragazzi e mi sono sentita per anni sola e non vista come moglie. Eravamo due vedovi sotto lo stesso tetto e nello stesso letto.
Durante il confronto ho capito che il suo comportamento non era disinteresse ma estremo rispetto verso la mia persona. Il mio essere troppo presente ed essermi sostituita a lui nelle scelte non gli ha permesso di vivere il ruolo che gli apparteneva.
Sono rimasta basita da tale scoperto e l’ho apprezzato per quanto ha “sopportato” in questi anni senza mai avere detto nulla, per troppo amore verso me e i nostri ragazzi. Daniela ha ribaltato il mio punto di vista e ogni giorno apprezzo e stimo sempre più l’uomo che ho accanto. Con fatica mi sono messa al mio posto, fatica perchè quel ruolo era per me inusuale.
Durante il viaggio di ritorno arriva un suo messaggio dove mi comunica di aver regalato a nostra figlia uno stage di danza classica, come premio per l’esito del ciclo scolastico concluso.
Mi sono resa conto quanto sia bello essere amata e protetta da lui e per assurdo più resto nel ruolo di donna più lui si mette al mio servizio. Anche la nostra vedovanza è finita.
I ragazzi si sono calmati e la sua presenza li ha resi più forti. Le sue regole sono viste con maggior rispetto e il ruolo di accoglienza mi calza decisamente meglio di quello di carabiniere.
Si è avvicinato persino alla mia visione più spirituale della vita: siamo appena rientrati da un week-end di meditazione in Alto Adige. Pensavo non volesse partecipare ed invece ne è rimasto entusiasta.
Tutti questi cambiamenti sono stati possibili solo grazie a Daniela.
Io le devo molto e lei utilizza questi strumenti potenti e meravigliosi dosando in modo encomiabile la chiarezza e il rispetto che la contraddistinguono. I momenti che si vivono sono intensi, sotto tanti punti di vista e spesso dolorosi, ma lei riesci a trasformare tanta sofferenza in amore, nel rispetto dei tempi e del sentire delle persone che ha difronte.
Con lei ho anche imparato che in un percorso solo ciò che vivi durante il viaggio ti permette di arrivare alla meta.
Elisabetta

Questo lavoro mi ha fatto capire che la vita è veramente il dono più bello che ci sia. Non importa quando, come e perché ci arrivano momenti e periodi difficili, la vita resta MERAVIGLIOSA!

La vita resta con noi sempre e va onorata e vissuta appieno, in ogni suo respiro, ogni suo battito, ogni sua emozione.

Grazie vita
Melania


Dietro la rabbia si nasconde tanta voglia di amare ed essere amati. Una volta sciolta si radica sempre di più la forza della nostra anima, la nostra presenza, il nostro esserci per noi stessi e per gli altri. L’amore è l’elemento universale che unisce tutto incondizionatamente!

AMORE, FORZA, SOSTEGNO

Alessandra


Qualunque cosa tu stia facendo, qualunque percorso tu stia portando avanti, qualunque soluzione tu stia cercando, fermati e concediti il regalo piu’ bello che tu ti possai fare : l’intensivo di riconcialiazione con il padre o la madre. E’ un’esperienza unica arrivata a me questo novembre 2014 in cui sentivo, nonostante i mille lavori a tutti i livelli negli ultimi sei anni, quel tormento che mi portavo dietro e dentro da 30 anni e che non riuscivo mai a spazzare via : quella sensazione di quell’abbraccio mancato di mia madre che mi aveva provocato tanta rabbia da sempre.

Cosi, raccolto il coraggio e l’infinita voglia che ho di vivere a pieno la mia vita in modo felice, ho seguito questo corso pronta a vederne i benefici che sono arrivati immediatamente sin dal giorno dopo : il tono di voce di mia madre non era mai stato cosi accogliente, non ero mai riuscita a stare con i miei genitori con la gioia di trascorrere consapevolmente del tempo con loro in armonia e non avevo mai smesso di giudicare mia madre con tanto dolore rabbia e forse odio.

Riconciliarsi con la madre e’ aprire il canale della vita : oltre a migliorare il rapporto con i miei, in questa settimana, ho ricevuto anche un’offerta di lavoro che aspettavo da tempo.

Linda


Questo lavoro mi ha portato serenità e forza, migliorando il rapporto con mio marito e dandomi il coraggio di affrontare una nuova professione. Il gruppo mi ha dato la forza per affrontare la rabbia che mi portavo dentro, aiutandomi a dissolverla.
Susanna


Ciao a tutti,

nel mio percorso di crescita personale ho osservato e sentito la necessità di sperimentare la tecnica di Irina Prekop sulla riconciliazione con la madre e l’Universo mi ha fatto incontrare Daniela.

Pur essendo innamorata delle costellazioni, ritengo che la riconciliazione sia la tecnica più efficace per unire, incorporare, guarire l’anima del figlio/a con quella della madre (o padre).

La madre rappresenta tutto, la via, la vita, la felicità, il successo, come afferma il maestro, Bert Hellingher.

Dopo il lavoro sulla riconciliazione mi sono sentita radicata, forte e sicura sul lato sinistro che rappresenta la madre. Il mio cuore è in pace, non avverto conflitti e durante il lavoro ho osservato, sentito la GRANDEZZA DI MIA MADRE e la onoro.

Grazie con il cuore a Daniela Marzani, Irina Prekop, Bert Hellingher e alla Forza più grande…

Tonia

error: Contenuti con copyright !!